Nicola Giusteschi Conti

asce alla Spezia il 28 ottobre 1967 e, dopo aver conseguito la maturità classica presso il locale liceo classico Lorenzo Costa, intraprende gli studi nella facoltà di giurisprudenza di Firenze dove è allievo, tra gli altri, di Luigi Lombardi Vallauri per la filosofia del diritto, di Alessandro Pizzorusso per il diritto privato comparato e di Ferrando Mantovani per il diritto penale generale.
Trasferitosi alla facoltà di giurisprudenza di Parma conclude gli studi discutendo il 4 novembre 1993 una tesi di diritto urbanistico su "La valutazione di impatto ambientale in relazione al problema del ripristino dei siti già interessati da opere pubbliche", relatore il prof. Giorgio Cugurra, corelatore il prof. Alessandro Giannini, allora ordinario di urbanistica presso l'Università di Genova.
Tra gli altri è colà stato allievo di Guido Uberto Tedeschi per il diritto commerciale e fallimentare, di Ubaldo Scovazzi per il diritto internazionale, di Fausto Capelli per il diritto delle Comunità Europee e di Bruno Cavallone per il diritto processuale civile.
Nel corso degli studi, seguendo seminari presso la sede universitaria, approfondisce la filosofia del diritto, il diritto internazionale del mare nonché il diritto delle comunità europee.
Inizia l'apprendistato presso lo studio dell'Avv. Gino Ambrosini alla Spezia e vi rimane per i primi due anni, occupandosi di diritto previdenziale e del lavoro e di diritto civile; quindi intraprende la collaborazione con l'Avv. Roberto Lamma e entra a far parte dei collegi di difesa della Legambiente e quindi dei CEAG (Centri di azione giuridica), approfondendo così le tematiche del diritto ambientale.
Partecipa, infatti, attivamente ai processi istaurati presso il Tribunale della Spezia per il disastro ambientale di Pitelli e per l'inquinamento delle acque e dell'aria perpetrato dall'ENEL.
Nel contempo, come già accennato, data la grande varietà di clientela degli studi ove ha lavorato, ha modo di fare esperienza in tutte le branche del diritto, approfondendo soprattutto il diritto civile (contrattualistica, famiglia), non meno del diritto penale, partecipando attivamente alla preparazione e discussione di difese anche di fronte alla Magistratura Militare. Recentemente si è occupato di diritto fallimentare.
Nel 2001 con l'Avv. Andrea Saloni e con il Dott. Davide D'Imporzano apre lo studio nella sede attuale e inizia la collaborazione con lo studio Piemontese e Vallini di Firenze che creerà lo "studio di avvocati" organizzato sulla rete di colleghi di fiducia su tutto il territorio nazionale.


 

x

Via Persio 3

 

Via Lamarmora 55


Avvertenza:
Quanto pubblicato su questo sito non riveste carattere pubblicitario, ma ha lo scopo di informare sulle attività esercitate dallo studio.
Tale informazione è resa possibile dall'art. 17 del Codice Deontologico Forense, modificato dal Consiglio Nazionale Forense in data 16 ottobre 1999.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

creato da Testaroli.com

 

:: home page ::